Materiali isolanti termici: tipologie e prezzi

Perché scegliere l’isolamento termico

 

Isolare termicamente un’abitazione è uno dei progetti edilizi attualmente più effettuato e più richiesto.

Le ultime tecnologie e i nuovi materiali che vengono utilizzati permettono di costruire case perfettamente isolate dall’ambiente esterno fornendo in questo modo grossi vantaggi per chi ci abita.

Viene da sè che se il lavoro viene fatto a regola d’arte, la spesa per riscaldare l’ambiente, oppure per rinfrescarlo, è decisamente ridotta.

Inoltre, si eliminano i problemi di infiltrazione, anche per le case al primo piano o per i seminterrati, e la formazione di umidità agli ultimi piani e sulle pareti che danno direttamente sull’esterno.

 

Tipi di materiali isolanti termici

 

I materiali isolanti termici possono essere di numerose tipologie differenti, in base alle quali varia, ovviamente, anche il prezzo.

Le differenze tra i vari tipi riguardano essenzialmente il tempo e la facilità di posa.

Altra distinzione va fatta, inoltre, per quanto riguarda il rispetto o meno delle norme vigenti e l’impatto ambientale.

barriera al vapore materialeLa scelta del materiale isolante termico più adatto va fatta tenendo conto dell’utilizzo per il quale è destinato.

Se si tratta di una batteria al vapore per il solaio va scelto un dato materiale, come del resto è consigliata una tipologia differente a seconda dell’umidità o meno della zona.

In ogni caso va tenuto presente che non è solo la temperatura da considerare e che il caldo in inverno e il fresco d’estate non devono essere gli unici punti da valutare nella scelta dei materiali.

Infatti, non è assolutamente da mettere in secondo piano la salubrità dell’ambiente e pertanto vanno scelti materiali termici che evitino la formazione di muffe e condense sul soffitto e sulle pareti.

 

Materiali termoisolanti più comuni

 

Tra i materiali isolanti termici maggiormente utilizzati spiccano la fibra di vetro o di legno, il poliuretano, il sughero, il polistirene espanso e la lana di roccia.

Il potere isolante è calcolato come Coducibilità Termica (identificata con la lettera Lambda).

Più basso è questo valore e maggiore è il potere isolante.

Un altro fattore da prendere in considerazione è lo spessore dello strato da sistemare.

Ovviamente, più è spesso lo strato e maggiore sarà l’isolamento.

La scelta va dunque fatta bilanciando questi due fattori e scegliendo il materiale più indicato, o magari creare più strati costituiti da materiali differenti.

 

Quali isolanti termici scegliere

 

Il materiale ideale per ogni circostanza non esiste, ma va scelto in base al luogo e alle esigenze dell’abitazione.

In montagna o in collina, un isolante con notevole sfasamento termico (come la fibra di legno e il sughero) è quello ottimale in quanto l’aria calda arriva lentamente all’interno dell’abitazione, raggiungendo l’interno solo di sera, quando possono venire aperte le finestre per rinfrescare.

In pianura, invece, il fresco non c’è neanche la sera e quindi è meglio scegliere un’isolante a bassa conducibilità termica come è il polistirene espanso con interno in grafite.

In zone umide o comunque per evitare la formazione di muffe è bene scegliere materiali traspiranti come la lana di roccia o, di nuovo, il sughero e la fibra di legno.

Infine, se si vive in uno chalet o comunque in una casa con il tetto in legno, non sarebbe una cattiva idea quella di scegliere un materiali come la lana di roccia che si caratterizza per le proprietà ignifughe.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Stefano C. ha detto:

    Alcune caratteristiche dei materiali isolanti (ad esempio le prestazioni isolanti invernale ed estive) possono essere compensate aumentando lo spessore degli stessi.
    Per altre caratteristiche è invece necesario scegliere il corretto materiale isolante.
    Una parete che contiene un isolante non permeabile è non traspirante, indipendentemente da ogni altro fattore.
    Parimenti, per migliorare l’acustica della parete è necessario scegliere materiali fibrosi o elastici.
    Infine, per migliorare la protezione dal fuoco è necessario scegliere materiali isolanti incombustibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *