I caminetti e le stufe alimentate a Bioetanolo

Il  bioetanolo fornisce un’opzione energetica efficace per ridurre in parte la dipendenza economica dal greggio e contenere le emissioni di gas serra. Il suo basso contenuto di acqua permette una miscela perfetta con la benzina.
In Italia è stato di recente incrementato l’ obbligo di immissione in consumo di una quota minima di biocarburanti (bioetanolo e biodiesel) per il triennio 2010-2012, che stabilisce per il 2010 una quota minima del 3,5%, del 4% nel 2011, e del 4,5% nel 2012.
Il  bioetanolo è un alcool (etanolo) incolore a 96° ottenuto dalla distillazione di prodotti agricoli ricchi di carboidrati e zuccheri (mais, sorgo, frumento, orzo, ecc.) e di biomasse di tipo cellulosico.
Questo tipo di combustibile può essere impiegato in sostituzione dell’alcool etilico denaturato con il vantaggio di eliminare il fastidioso problema del residuo rosaceo e il cattivo odore del denaturante.
prezzi bioetanolo
Il bioetanolo è quindi ideale per la diluizione di diversi tipi di resine (gommalacca, gommalacca decerata, sandracca, copale, benzoe, ecc.) e per eseguire interventi di pulitura anche in miscela con acqua, acetone, essenza di trementina, ecc. Il  bioetanolo è un alcool ottenuto dalla fermentazione di biomasse,  prodotti naturali, come gli scarti di barbabietola da zucchero, patate, cereali e così via.
Il bioetanolo è una fonte di energia che non si esaurisce nel tempo, si tratta quindi di un combustibile di origine naturale, economico e rinnovabile. Una risorsa rinnovabile si dice anche “sostenibile”, se il tasso di riproduzione della medesima è uguale o superiore a quello di utilizzo.
Il processo di produzione del bioetanolo genera, a seconda delle materie prime utilizzate, diversi sottoprodotti con valenza economica. Il bioetanolo trova impiego anche come combustibile per bio caminetti.
Tra le varie soluzioni per il riscaldamento delle abitazioni, un caminetto a bioetanolo rappresenta un’alternativa valida, ecologica e innovativa. Oltre a riscaldare senza produrre cenere o fumi nocivi infatti il biocamino arreda i locali con forme e design eleganti e all’avanguardia, capaci di donare un tocco in più e un’atmosfera calda e accogliente all’ambiente in cui vengono collocati.
I prezzi del bioetanolo sono abbastanza contenuti e ciò nè favorisce indubbiamente l’utilizzo per alimentare camini e stufi. I costi del bioetanolo
Questi caminetti a bioetanolo sono concepiti per essere usati semplicemente premendo un pulsante sul telecomando e dare vita al punto-fuoco.
Possono ospitare perfettamente questi focolari senza canna fumaria sia residenze che uffici, appartamenti e locali pubblici. Potete godervi il piacere del fuoco in totale sicurezza.
La maggior parte dei camini a bioetanolo sono dotati di sensori elettronici di sicurezza che fermano automaticamente il bruciatore in caso di anomalie.
Immediatamente installabili e concepiti per un uso quotidiano, questi punti-fuoco utilizzano l’alcol come carburante, un’energia rinnovabile pulita derivante dalla fermentazione di vegetali che non rilascia fumo, né sgradevoli odori. I biocamini telecomandati diventano un modo semplice per riscoprire la fiamma vera e autentica.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *