Italia: fatti, costumi e tradizioni

L’Italia ospita oltre 62 milioni di persone a partire dal 2017 ed è classificata al 23 ° posto per dimensioni al netto della popolazione di altri paesi del mondo. La cultura italiana è ricca di arte, famiglia, architettura, musica e cibo. Sede dell’impero romano e importante centro del Rinascimento, la cultura della penisola italiana è fiorita per secoli. Ecco una breve panoramica delle usanze e tradizioni italiane.

Popolazione in Italia

Circa il 96 percento della popolazione italiana è di origine locale, anche se ci sono molte altre etnie che vivono in questo paese. Arabi nordafricani, italo-albanesi, albanesi, tedeschi, austriaci e alcuni altri gruppi europei riempiono il resto della popolazione. I paesi confinanti con Francia, Svizzera, Austria e Slovenia a nord hanno influenzato la cultura italiana, così come le isole mediterranee di Sardegna, Sicilia e Sardegna.

Lingue parlate in Italia

La lingua ufficiale del paese è l’italiano. Circa il 93 percento della popolazione italiana parla italiano come lingua madre, secondo la BBC. Esistono numerosi dialetti della lingua parlata nel paese, tra cui sardo, friulano, napoletano, siciliano, ligure, piemontese, veneziano e calabrese. Il milanese è parlato anche a Milano. Altre lingue parlate da italiani nativi includono albanese, bavarese, catalano, cimbro, corso, croato, francese, tedesco, greco, sloveno e walser.

La vita familiare in Italia

“La famiglia è un valore estremamente importante nella cultura italiana”, ha detto a Live Science Talia Wagner, terapista del matrimonio e della famiglia che vive a Los Angeles. La loro solidarietà familiare è focalizzata sulla famiglia allargata piuttosto che sull’idea dell’Occidente di “famiglia nucleare” di soli mamma, papà e figli, ha spiegato Wagner.

Gli italiani hanno frequenti riunioni di famiglia e godono di trascorrere del tempo con quelli della loro famiglia. “I bambini vengono allevati per rimanere vicini alla famiglia durante l’età adulta e ampliare la loro futura famiglia con quella d’origine”, ha detto Wagner.

Religione in Italia

La religione principale in Italia è il cattolicesimo romano. Ciò non sorprende, poiché la Città del Vaticano, situata nel cuore di Roma, è il fulcro del cattolicesimo e dove risiede il Papa. I cattolici romani e gli altri cristiani costituiscono l’80 percento della popolazione, sebbene solo un terzo di quelli siano cattolici praticanti. Il paese ha anche una crescente comunità di immigrati musulmani, secondo l’Università del Michigan. Musulmani, agnostici e atei costituiscono l’altro 20 percento della popolazione, secondo la Central Intelligence Agency.

Arte e architettura in Italia

L’Italia ha dato origine a numerosi stili architettonici, tra cui quelli classici romani, rinascimentali, barocchi e neoclassici. L’Italia ospita alcune delle strutture più famose al mondo, tra cui il Colosseo e la Torre pendente di Pisa. Il concetto di una basilica – che originariamente era usato per descrivere un edificio pubblico aperto e si è evoluto in un luogo di pellegrinaggio cattolico – è nato in Italia. La parola, secondo l’Oxford Dictionary, deriva dal latino e significa “palazzo reale”. La parola deriva anche dal greco basilikē, che è il femminile di basilikos che significa “reale” o basileus, che significa “re”.

L’Italia ospita anche numerosi castelli, come il forte bardo della Valle d’Aosta, il castello di Verrès e il castello di Ussel.

Firenze, Venezia e Roma ospitano molti musei, ma l’arte può essere ammirata in chiese ed edifici pubblici. Il più notevole è il soffitto della Cappella Sistina del Vaticano, dipinto da Michelangelo tra il 1508 e il 1512.

L’opera ha le sue radici in Italia e molte opere famose – tra cui “Aida” e “La Traviata”, entrambe di Giuseppe Verdi, e “Pagliacci” di Ruggero Leoncavallo – sono state scritte in italiano e sono ancora eseguite nella lingua madre. Più recentemente, il tenore italiano Luciano Pavarotti ha reso l’opera più accessibile alle masse come solista e come parte dei Tre tenori.

L’Italia ospita un certo numero di case di moda di fama mondiale, tra cui Armani, Gucci, Benetton, Versace e Prada.

Cucina italiana

La cucina italiana ha influenzato la cultura del cibo in tutto il mondo ed è vista da molti come una forma d’arte. Vino, formaggio e pasta sono una parte importante dei pasti italiani. La pasta è disponibile in una vasta gamma di forme, larghezze e lunghezze, tra cui penne, spaghetti, linguine, fusilli e lasagne.

Per gli italiani, il cibo non è solo nutrimento, è vita. “Le riunioni di famiglia sono frequenti e spesso incentrate sul cibo e sulle reti estese di famiglie”, ha affermato Wagner.

Nessuna area d’Italia mangia le stesse cose da luogo a luogo. Ogni regione ha le sue specialità , secondo la CNN. Ad esempio, la maggior parte dei cibi che gli americani considerano italiani, come spaghetti e pizza, provengono dal centro Italia. Nel nord Italia, pesce, patate, riso, salsicce, maiale e diversi tipi di formaggi sono gli ingredienti più comuni. I piatti di pasta al pomodoro sono popolari, così come molti tipi di pasta ripiena, polenta e risotti. Nel sud, i pomodori dominano i piatti e vengono serviti freschi o cotti in salsa. La cucina meridionale comprende anche capperi, peperoni, olive e olio d’oliva, aglio, carciofi, melanzane e ricotta.

Il vino è anche una grande parte della cultura italiana e il paese ospita alcuni dei vigneti più famosi del mondo. Le più antiche tracce di vino italiano sono state recentemente scoperte in una grotta vicino alla costa sud-occidentale della Sicilia. “Le implicazioni archeologiche di questi nuovi dati sono enormi, soprattutto considerando che l’identificazione del vino è la prima e la prima presenza attestata di tale prodotto in un contesto archeologico in Sicilia”.

Fare affari in Italia

La valuta ufficiale dell’Italia è l’euro. Gli italiani sono noti per la loro cultura incentrata sulla famiglia e ci sono un certo numero di piccole e medie imprese. Anche molte delle società più grandi come Fiat e Benetton sono ancora principalmente controllate da singole famiglie. “Molte famiglie immigrate dall’Italia sono tradizionaliste per natura, con i genitori che ricoprono ruoli di genere tradizionali. Questo è diventato una sfida per le generazioni più giovani, poiché i ruoli di genere si sono trasformati nella cultura americana e oggi sono in contrasto con il padre che è il principale capofamiglia e il capo indiscusso della famiglia e la madre essendo la custode principale della casa e dei bambini “, ha detto Wagner.

Le riunioni sono in genere meno formali che in paesi come la Germania e la Russia e la struttura familiare può lasciare il posto a un po ‘di caos e scambi animati. Gli uomini d’affari italiani tendono a visualizzare le informazioni dagli estranei con un po ‘di diffidenza e preferiscono gli scambi verbali con persone che conoscono bene.

Vacanze italiane

Gli italiani celebrano la maggior parte delle festività cristiane. La celebrazione dell’Epifania, celebrata il 6 gennaio, è molto simile al Natale. Belfana, una vecchia signora che vola sulla sua scopa, consegna regali e chicche ai bambini buoni, secondo la leggenda. 

Pasquetta, il lunedì dopo Pasqua, in genere coinvolge picnic di famiglia per segnare l’inizio della primavera.

Il 1 ° novembre commemora la Festa dei Santi, una festa religiosa durante la quale gli italiani in genere decorano con fiori le tombe di parenti defunti.

Molte città e paesini italiani celebrano la festa del loro santo patrono. Il 19 settembre, ad esempio, è la festa di San Gennaro, il santo patrono di Napoli.

Il 25 aprile è il giorno della liberazione, che segna la liberazione del 1945 che termina la seconda guerra mondiale in Italia nel 1945, giornata perfetta per approfittarne per il noleggio di barca a vela in Costiera Amalfitana.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *