Cos’è il potere fonoisolante apparente

onda acustica generata da rumoreQuando si parla di potere fonoisolante apparente in relazione agli elementi che separano due ambienti si fa riferimento a una misura in opera che, sulla base della norma UNI EN ISO717-1, si può ottenere dal potere fonoisolante per bande di frequenza che tiene conto delle trasmissioni laterali espresse in decibel. Come ben sanno i professionisti, il potere fonoisolante serve dunque a individuare la capacità di isolamento acustico che contraddistingue un divisorio, ed è misurabile attraverso software e strumenti per la misura dell’impatto acustico come questi.

Il potere fonoisolante apparente è utile per i progettisti, e prende in considerazione l’intera potenza sonora che giunge nell’ambiente ricevente (e, dunque, non solo la potenza sonora da cui è attraversato il campione di misura). Gli elementi che definiscono questo valore sono il livello medio di pressione sonora nell’ambiente emittente e il livello medio di pressione sonora nell’ambiente ricevente, che sono espressi in decibel, e l’area di assorbimento equivalente dell’ambiente ricevente e l’area dell’elemento di separazione, che sono espressi in metri quadri. Dai valori che vengono espressi in base alla frequenza si ottiene l’indice di valutazione del potere fonoisolante apparente.
Con l’indice di valutazione, pertanto, si ha la possibilità di caratterizzare le proprietà fonoisolanti della partizione con un solo numero.

Le trasmissioni laterali sono più o meno nulle nel caso in cui la misura in questione venga effettuata in laboratorio, così che l’intera energia sonora può essere trasmessa attraverso il divisorio nel locale disturbato. In questo modo si può determinare una grandezza che corrisponde al potere fonoisolante di laboratorio nel momento in cui si fa riferimento all’indice di valutazione acustica. Il potere fonoisolante apparente corrisponde alla differenza tra il potere fonoisolante di laboratorio e la media dei contributi delle varie trasmissioni laterali. A seconda dei valori di questa media si può distinguere tra una trasmissione laterale forte, una trasmissione laterale media e una trasmissione laterale debole.

La trasmissione laterale forte è superiore a 5 decibel: si ha nel caso di una partizione pesante che è fiancheggiata da pareti laterali leggere. La trasmissione laterale, in una circostanza del genere, costituisce un difetto evidente dell’isolamento acustico, così che gli interventi migliorativi devono concernere soprattutto questa modalità di trasmissione dell’energia sonora. La trasmissione laterale media, invece, è compresa tra i 2 e i 5 decibel, e rappresenta la situazione più frequente; gli interventi migliorativi da applicare coinvolgono tanto le trasmissioni laterali quanto la partizione. Infine, ecco la trasmissione laterale debole, che è inferiore ai 2 decibel; si riscontra, tra l’altro, in presenza di una partizione leggera che è fiancheggiata da pareti laterali in muratura pesante, ma anche quando si è alle prese con strutture munite di giunti elastici di sconnessione. La trasmissione laterale, in situazioni di questo tipo, è pressoché trascurabile, mentre gli interventi migliorativi si devono concentrare in modo particolare sul potere fonoisolante della partizione.

Le tecniche per favorire la diminuzione delle trasmissioni laterali possono essere diverse: per esempio, l’inserimento di elementi elastici all’interno dei giunti delle pareti orizzontali e verticali, ma anche il ricorso a pavimenti galleggianti. Una soluzione alternativa è quella rappresentata dal trattamento delle pareti laterali con un rivestimento a pelle resiliente, che prevede l’adozione di lastre di gesso rivestito e manufatti in lana di vetro.

Il potere fonoisolante apparente rappresenta il parametro che corrisponde alla misurazione per l’isolamento di un elemento di edificio nel momento in cui la posizione del microfono esterno si trova sulla superficie di misurazione e la sorgente sonora è il rumore da traffico. Questa misura propone un risultato che può essere espresso sotto forma di grafico: una rappresentazione di questo tipo si fa apprezzare per la sua completezza, e proprio per questa ragione viene sfruttata per descrivere il comportamento acustico del campione che si considera in prova in modo accurato e dettagliato.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *