L’importanza della pulizia e sanificazione nelle scuole materne

Una delle prime regole che si insegnano ai bambini è quella di lavarsi le mani. Spesso, infatti, i più piccoli mettono le dita in bocca dopo aver toccato giocattoli, pavimento, terra, erba o polvere, senza essere consapevoli di molti rischi legati alla salute. Tuttavia, questo gesto è impossibile da reprimere: è un po’ come negar loro il ciuccio!

Diventa quindi essenziale per l’educatore insegnare al bambino determinate norme igieniche per evitare il contagio e la proliferazione di batteri e dei microrganismi. Acqua e sapone non bastano: una scuola materna deve assolutamente essere pulita e sanificata, poiché, qui, i bambini vi trascorrono la maggior parte del loro tempo ed è necessario che questa struttura non diventi un rischio per la loro salute.

Pulizia e sanificazione. Termini simili ma differenti.

Partiamo, innanzitutto, da un chiarimento sui termini pulizia e sanificazione che spesso vengono utilizzati con lo stesso significato, ovvero per indicare quell’insieme di pratiche usate per rimuovere sporco e batteri. L’articolo 1 del D.M. 274/1997 spiega, in maniera concisa, le differenze:

  • l’attività di pulizia riguarda quelle operazioni “atte a rimuovere polveri, materiale non desiderato o sporcizia da superfici, oggetti, ambienti confinati ed aree di pertinenza”;
  • l’attività di sanificazione riguarda quei procedimenti “atti a rendere sani determinati ambienti … mediante il controllo ed il miglioramento delle condizioni del microclima per quanto riguarda la temperatura, l’umidità e la ventilazione” oppure “per quanto riguarda l’illuminazione ed il rumore”.

Ognuno dei due termini ha, quindi, un proprio significato ed indica un preciso processo al fine di ridurre i rischi relativi alla salute. Inoltre, il Ministero della Salute fornisce delle indicazioni precise che riguardano l’aspetto tecnico e quello operativo.

Solo un’impresa di pulizie specializzata e professionale come Italiana Servizi (http://www.italianaservizisrl.it) ha tutte le carte in regola per garantire ai bambini una scuola materna pulita e gradevole, in cui poter giocare, divertirsi e rilassarsi in completa tranquillità. quando i propri operatori si accingono a pulire la struttura.

Pulizia degli ambienti: alcuni aspetti da tenere in considerazione.

Un aspetto fondamentale da tenere in considerazione quando si pulisce una struttura ampia, come una scuola materna, è che la pulizia “fai da te” non sarà mai abbastanza efficace. Bisogna essere in grado di valutare vari fattori, tra i quali i seguenti:

  • il grado di temperatura per detergere bene;
  • la composizione chimica dei detersivi (il detergente neutro non è sempre adatto a tutto);
  • lo strumento adatto per una perfetta azione pulente. A volte un panno ed un mocio si rivelano validi alleati. Altre volte si può agire sullo sporco solo utilizzando strumenti e macchinari tecnologicamente avanzati.

Pulire ed, in particolare, sanificare degli ambienti non sono quindi attività così facili come si pensa. Soprattutto quando di mezzo c’è la salute dei bambini. È sicuramente una situazione spiacevole vedere genitori arrabbiati che ritirano i propri figli dalla scuola materna, a causa dei continui malanni che i piccoli contraggono. La superficialità con cui si affrontano determinate mansioni può, infatti, mettere in pericolo le persone che vivono in quell’ambiente. Solo una scuola materna che si rivolge a veri professionisti del settore non incorre nel rischio di trascurare dettagli fondamentali, garantendo ai piccoli, e soprattutto ai genitori la completa serenità.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *