Follow Up Fieristico: il profilo del visitatore

L’arma più potente per un’azienda che partecipa ad un evento, una fiera oppure una manifestazione settoriale non è lo stand, non è la comunicazione, non è il personale, ma la quantità, ma soprattutto la qualità dei contatti che si raccolgono durante l’evento.

Sia chiaro, non è che tutti gli elementi come lo stand, lo staff, la comunicazione e tutti gli altri fattori debbano essere trascurati, fatto tutti parte di un processo completo e specifico, ma l’importanza dei follow up è fondamentale per sviluppare il business aziendale e per aumentare i fatturati.

Per questo motivo la raccolta dei dati durante l’evento deve essere fatta seguendo uno schema ben preciso in cui riuscire ad ottenere il maggior numero di informazioni da un potenziale cliente così da riuscire a creare una profilazione precisa ed ottimizzata che il reparto commerciale aziendale può poi gestire alla massima potenza.

Nel processo di preparazione alla partecipazione ad una fiera va definito nei minimi dettagli il profilo del visitatore e la scheda cliente da far compilare con tutte le informazioni necessarie da utilizzare poi nel momento in cui si andranno a trattare questi dati.

follow up fieristico

Il reparto commerciale aziendale dovrebbe ricevere una scheda con almeno una serie di informazioni basilari come queste:

  • Nome e Cognome del contatto
  • Sesso del contatto
  • Azienda per cui lavora
  • Ruolo in azienda
  • Numero di telefono diretto/Cellulare diretto
  • Indirizzo di posta elettronica diretto
  • Settore in cui opera l’azienda
  • Per quale motivo partecipa alla fiera
  • Zona operativa dell’azienda
  • Quali sono i punti di forza, i prodotti/servizi principali dell’azienda

Questi sono i dati fondamentali per poter poi preparare una strategia di attacco specifica, personalizzata e mirate e dare modo di sviluppare un contatto ed una proposta di business da parte del reparto vendite o quello commerciale.

Lo staff che presenzia durante l’evento all’interno dello stand aziendale deve essere dotato di schede cartacee per la raccolta dati oppure sfruttare le nuove tecnologie con tablet o computer collegati al CRM in azienda che permettano di inserire direttamente i dati all’interno del mainframe aziendale e poter così essere elaborati quasi in realtime.

Un esempio potrebbe essere l’invio immediato di una mail con un “omaggio” virtuale oppure di un SMS di ringraziamento per aver lasciato i propri dati durante l’evento, in questo modo si crea un primo legame con il potenziale cliente ed allo stesso tempo mette in mostra l’avanguardia dell’azienda stessa.

La raccolta dei dati di potenziali clienti è la cosa più importante che un’azienda deve fare quando partecipa ad un evento fieristico, molto spesso ci si dimentica questa fase sostituendola con il semplice scambio di biglietti da visita, sicuramente meglio rispetto a non fare niente, ma poco efficace per una gestione professionale ed ottimale dei potenziali clienti per la propria azienda.

Meglio raccogliere una serie di informazioni più utili e gestibili che possono rendere più facile il lavoro di contatto, interazione e conversione del prospect in cliente.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *