Scegliere il compressore migliore per uso domestico

Che cos’è un compressore.

Il compressore è un apparecchio che funziona sfruttando l’energia meccanica sulla compressione di gas o dell’aria.

Categorie di compressori.

I compressori fini vengono generalmente suddivisi in due categorie, a seconda del loro utilizzo. Le due categorie sono: industriale e domestico. La differenza è legata alle loro dimensioni e alla quantità d’aria che sono in grado di emettere al minuto.

Utilizzo del compressore.

Il compressore viene utilizzato a casa ad esempio per le pulizie domestiche o per la pulizia dell’auto attraverso il montaggio della pistola che consente di spruzzare acqua e vapore. Può essere utilizzato attraverso la pistola a spruzzo per verniciare oggetti o pareti. Il compressore può essere collegato ad apparecchi elettrici quali avvitatori (con cui avvitare o svitare bulloni), smerigliatrici, nebulizzatori, ecc.

Costo.

Il costo varia dai 100 euro ai 500/600 o più a secondo dei vari modelli, dalla loro potenza e capacità di litri.

Come scegliere un compressore.

La scelta va fatta in base a :

  • rapporto qualità/prezzo;
  • bassa rumorosità quando lo si utilizza;
  • sicurezza: dovrebbero avere la valvola per la fuoriuscita della condensa, l’interruttore acceso/spento dovrebbe essere collocato in una posizione accessibile e comoda, ecc.;
  • se sono auto-lubrificanti poiché richiedono meno manutenzione;
  • al budget a disposizione;
  • compattezza e spessore della macchina e quindi allo spazio a nostra disposizione dove collocarlo;
  • alla capacità in litri (maggiore è la capacità maggiore sarà la sua autonomia);
  • la pressione di uscita;
  • il tipo di alimentazione, quelli a 12 volt possono essere utilizzati solo collegati agli accendisigari delle auto e non alle prese di casa;
  • trasportabilità (presenza o meno di maniglie), stabilità (presenza di ruote o piedini d’appoggio) e peso;
  • sicurezza di utilizzo;
  • impiego di materie prime di qualità nella loro costruzione e assemblaggio;
  • test tecnici di funzionalità e robustezza;
  • garanzie del prodotto (alcune fabbriche costruttrici garantiscono per 10 anni il serbatoio antiruggine);
  • possibilità di auto-spegnimento una volta raggiunta la pressione richiesta è un ulteriore aiuto a ottenere i risultati prefissati;
  • agli accessori eventualmente venduti insieme.

Un sito dove poter visionare e farsi un’idea ed avere maggiori delucidazioni sia sull’utilizzo sia del costo da sostenere è:”http://www.ferramentafacchinetti.it/marchi/compressori-fini”. Qui, infatti, si viene supportati meglio durante l’esperienza di un eventuale acquisto. In questo sito si ha una panoramica dettagliata di ogni compressore messo in vendita e maggiori informazioni sulle loro caratteristiche tecniche.

Consigli.

Il compressore va collocato in un ambiente asciutto e privo di polvere. La manutenzione deve essere eseguita ogni 3 o 4 mesi così ci si assicura che funzioni in maniera ottimale.

Vantaggi.

I tempi impiegati per alcuni lavori in cui si impiega il compressore si dimezzeranno e la fatica e gli sforzi per compiere quelle azioni si annulleranno.

La loro versatilità, si possono impiegare per molti lavoretti cambiando solo gli adattatori.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *