Controlli periodici sui mezzi di sollevamento e a pressione

Controlli periodici obbligatori per legge

Il D. Lgs. 81/2008, Testo unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, all’articolo numero 71 e successivi aggiornamenti impone ai datori di lavoro dei controlli cadenzati nel tempo sulle attrezzature e le macchine da lavoro. In particolare i proprietari di apparecchiature da sollevamento devono controllare le apparecchiature a distanza di 10 anni dall’acquisto, come stabilisce anche la direttiva 2006/42 CE, varata dal Parlamento Europeo nel 2006. In base a questa legge le condizioni dei mezzi di sollevamento possono essere controllate anche con metodi non distruttivi. Le verifiche vanno verificate sulle saldature, sui perni e sulle parti strutturali della macchina. In base al risultato dell’analisi, un ingegnere abilitato dell’ordine scriverà una relazione scritta nella quale sarà riportata la vita utile residua della macchina.

Su quali mezzi si possono fare i controlli non distruttivi

L’azienda Centrotest effettua trattamenti termici e controlli non distruttivi e verifiche periodiche sugli apparecchi da sollevamento dal 1987 ed opera in tutta Italia. Ha tre filiali: una a Terni, una a Narni e una a Borghetto Lodigiano che serve tutta l’Italia settentrionale. Si avvale di tecnici certificati e tutte le informazioni si possono ricavare dal sito Internet ufficiale http://www.centrotest.com. La ditta spazia veramente in molti settori dei controlli non distruttivi, tra cui quello dei mezzi da sollevamento che vanno sottoposti a verifica periodica. Queste apparecchiature sono: argani, autogru, gru a torre, piattaforme aeree, carroponti, gru a cavalletto e carrelli semoventi a braccio telescopico. Oltre ad essere obbligatorio per legge, l’esame periodico di queste macchine è molto importante per evidenziare eventuali criticità che possano rendere insicura l’attrezzatura e mettere a repentaglio la vita di chi la usa.

Altri apparecchi soggetti a controlli periodici

La nuova Direttiva PED 2014/68/UE per Attrezzature a Pressione sostituisce la precedente direttiva 97/23/CE e si allinea alle nuove normative europee sulle attrezzature a pressione. Secondo la legge anche le attrezzature e i serbatoi a pressione sono soggetti a verifiche e controlli periodici. La Centrotest può effettuare i controlli non distruttivi previsti su questi apparecchi, al termine dei quali verrà rilasciata una certificazione da parte di personale qualificato. I controlli effettuati si svolgono sulle saldature mediante verifiche ad ultrasuoni, controlli magnetoscopici o con liquidi penetranti. Vengono svolti anche controlli spessimetrici con reticolo, per valutare lo stato di efficienza degli apparecchi a pressione. La spessimetria ad ultrasuoni viene usata in ambito industriale per verificare in maniera rapida ed efficace lo stato dei recipienti sotto pressione e deve essere fatta da personale qualificato e abilitato mediante certificazioni legali.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *